martedì 15 maggio 2018

Blog Tour alla scoperta del Primiero - AIFB Associazione Italiana Food Blogger


Quest'anno a marzo  ho avuto il piacere di organizzare  un giornata formativa  nella nostra amata zona del Primiero per il progetto Gran Tour del Trentino Alto Adige della nostra Associazione Italiana Food Blogger.
Hanno partecipato con me con la loro professionalità e simpatia  tre amiche, food blogger e socie AIFB Paola Sartori -  Prelibata, Monica Campaner - Tutti Possono Cucinare ed Ercia Zampieri - Sapori e Dissapori la nostra fondamentale coordinatrice per il Triveneto.
L'organizzazione di questo Tour è stata veramente piacevole,  tutte le persone che ho coinvolto hanno accolto con molto entusiasmo e collaborazione il progetto della nostra associazione e questo Tour, mettendo a nostra disposizione il loro tempo e condividendo con noi molte conoscenze ed esperienze del loro lavoro.
Ringrazio ancora una volta di cuore tutti per questa importante giornata insieme.

Visita al Caseificio Sociale di Primiero 
Il nostro tour è iniziato di buon mattino,  presso il Caseificio Sociale del Primiero, ad attenderci Alberto Bettega direttore e nostra importante guida durante questa mattinata alla scoperta della produzione di alcuni importanti formaggi trentini.

Vestite  in base alla normativa sanitaria vigente, siamo entrare nella prima zona dedicata alla lavorazione del latte.
Il latte viene prelevato direttamente con i mezzi del Caseificio presso  differenti aziende al mattino e alla sera, si tratta  solo di latte dei soci allevatori di questa zona.
La quantità di latte lavorato dipende dalla stagionalità e dai parti,  per esempio ci sono variazioni con l'alpeggio estivo degli animali.
La prima cosa che  ti avvolge e attrae l'attenzione entrando in produzione è  il  profumo di latte caldo riscaldato in enormi caldaie.
Noi prima di tutto abbiamo assistito alla produzione della Tosela, formaggio fresco tipico del Primiero e fra i più conosciuti del Caseificio.
Un formaggio la cui preparazione in passato veniva tramandata di padre in figlio  come produzione casalinga, in quanto è  un prodotto che si riesce ad ottenere anche con scarse disponibilità di latte. Attualmente in Caseificio viene prodotto solo con latte intero pastorizzato.
Il latte per il Trentingrana viene invece posto in affioramento la sera prima e utilizzato come latte crudo.  
In azienda in questo reparto abbiamo visto i casari all'opera e ci sono state dettagliatamente descritte da Alberto diverse fasi delle preparazione di alcuni formaggi prodotti in Caseificio
Il mestiere del casaro è un lavoro di precisione e forza, di tempestività e pazienza.
Tutte le fasi iniziali di lavorazione sono scandite da tempi precisi e la concentrazione continua dei casari è visibile e percepibile in produzione.

produzione trentingrana primiero

tosela primiero caglio

tosela casaro 1

tosela primiero 2

tosela produzione

trentingrana primiero

Successivamente abbiamo visitato anche la zona riservata alla salatura  tramite immersione in salamoia.
Le tempistiche di permanenza nelle vasche sono  differenti in base alla grandezza delle forme e la tipologia di formaggio, per il  Trentingrana per esempio è di 23/24 giorni.
Successivamente le forme  passano alla stagionatura nei locali con temperatura ed umidità controllate. In questa inebriante e affascinante zona l'esperienza dei casari, che si prendono cura delle preziose forme, l'ambiente e il tempo fanno la differenza qualitativa del prodotto finale.

stagionatura forme


trentigrana trentino

stagionatura primiero

Alberto ci ha parlato anche del  Botiro di Malga, un eccellenza del Primiero, che può essere acquistato solo d'estate, essendo un prodotto stagionale prodotto con  latte d'alpeggio.
Il recupero di questo prodotto è un progetto ambizioso che ha coinvolto molti protagonisti,  fondamentale l'associazione QB diventata poi la condotta Slow Food del Primiero.
Una sfida che è stata vinta recuperando una malga, mantenendo una produzione tradizionale di qualità che rischiava di essere perduta,   attualizzando un prodotto e rendendolo disponibile in base alle attuali normative.

Abbiamo concluso la nostra visita al Caseificio con una degustazione dei formaggi fra i più noti e richiesti al Caseificio:
Primiero Fresco,  Dolomiti alle Erbe,  Primiero Stagionato di Malga, Trentingrana DOP.
Qui ad attenderci ed ad accompagnare questi formaggi  una bottiglia d' Alta Vienna del  Birrificio Artigionale Bionoc',  un azienda giovane orgoglio del Primiero, sicuramente meta del nostro prossimo tour in Valle.

Il contest dei Canederli e il nostro pranzo trentino
In tarda mattinata ci siamo spostati nella incantata Val Canali presso il ristorante Albergo Ristorante Cant del Gal di Nicola Cemin, ristoratore esperto ed appassionato di prodotti tipici, piatti e vini trentini.
Prima di pranzo  abbiamo assistito ad  uno cooking show di preparazione di Canederli trentini  dello chef del ristorante.
Nelle settimane precedenti a questo tour infatti, nell'ambito del progetto gran Tour del Trentino Alto Adige AIFB, era stato indetto un contest proprio sulle ricette dei  canederli: Che Canederlo 6?

Le regole erano semplici per la ricetta ciascun socio doveva  utilizzare  pane raffermo, lo speck e/o un formaggio del Trentino Alto Adige e un' altro ingrediente a scelta della zona d'origine del partecipante.
Le ricette pervenute sono state ben 15, tutte diverse ed originali, alla fine i due giudici Nicola e Anna Longo, trentina doc  e mia suocera, hanno proclamato due bravissime vincitrici:
Paola Sartori con la ricetta salata Canederli Tirolesi per tutti i gusti e Gabriella Rizzo con la ricetta dolce Canederli ricotta affumicata e nocciole.

Il nostro aperitivo non poteva che essere all'aperto baciati dal sole, con vista sulle Dolomiti Patrimonio Universale dell'Unesco, brindando a questo tour con  calici di Trento Doc, parlando e confrontandoci su cibo e vini del Trentino e molto altro.




Utilizzare materie prime eccellenti del territorio, seguire la stagionalità dei prodotti con creatività e continua ricerca,  sono i punti di forza della cucina di Nicola  e dei suoi collaboratori che mi piace descrivere  come una cucina tipica trentina in continua evoluzione stagionale con rispetto della tradizione culinaria. 
Questi  i piatti e i vini proposti e dedicato al nostro tour:
Antipasto d'affumicati - maialino, oca, cervo, anatra.
Tris di Canederli - spinaci con cuore di Fontal, tradizionale allo speck, rape rosse.
Tris di ricotte dolci

Trento Doc Bouquet - Pedrotti
San Lorenzo 2015




Elisa e le Erbe del Primiero.
A pranzo abbiamo avuto anche il piacere di conoscere e confrontarci con la titolare dell 'Azienda Agricola Erborì.
Elisa  occhi  limpidi  e determinati è   una giovane imprenditrice e mamma di 4 bimbi, che è riuscita a trasformare una grande passione in un lavoro.
Nella sua azienda le piante officinali del Primiero vengono coltivate, raccolte ed essiccate per essere poi vendute.
Un lavoro che richiede molta conoscenza, studio ma anche tanta sensibilità e dolcezza doti che sicuramente ad Elisa non mancano.
Dopo pranzo ci ha descritto alcuni suoi prodotti artigianali caratterizzati dall'utilizzo di piante officinali: tisane, caramelle, pasta, sali aromatizzati...
Sul suo sito potete trovare ed ordinare i prodotti online.
Elisa collabora con  molti produttori  ed attività  della zona tra i quali con lo stesso Caseificio per il Dolomiti alle Erbe e con la  storica Macelleria Bonelli di Siror.

erborì prodotti

Giro in carrozza in Val Canali 
Prima di lasciare la Val Canali,  Laura Turra, una mia cara amica, ci aspettava per un allegro giro con la carrozza trainata dalle sue docili e dolci cavalle di razza Noriker: Hemma e Hummel.
La sicurezza di Laura e di suo padre, appassionati ed esperti allevatori di questi animali, hanno cancellato in pochi minuti tutti i miei timori passati.   Sono riuscita a godermi serenamente, con le amiche e colleghe blogger, questa esperienza emozionante che permette di immergersi completamente nella natura incontaminata del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino.  

trentino cavalli

Un fuori programma: Visita a Mezzano Romantica
Durante il pranzo parlando con Elisa e mia suocera, ci è stato detto che non potevamo visitare la valle senza passare a Mezzano  uno dei  Borghi più belli d'Italia. 
Fortunatamente siamo riuscite a rimediare grazie alla disponibilità   del sindaco di Mezzano Ferdinando Orler,  con la promessa di tornarci con tutta la calma e il tempo che merita questo affascinante  antico borgo.
A Mezzano abbiamo visitato Cataste&Canzei,  una mostra d'arte contemporanea  a cielo aperto realizzata da artisti internazionali e locali, le opere sono una perfetta integrazione fra storia, arte e tradizioni rurali.



Vi aspettiamo al nostro prossimo Tour nel Primiero:)

Nessun commento:

Posta un commento